giovedì 16 giugno 2016

La Francia ha iniziato ad attuare arresti di massa durante la nuova Rivoluzione


La Francia ha iniziato ad attuare arresti di massa nel corso di una enorme rivoluzione


Centinaia di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza, in Francia, nel corso delle ultime settimane, sebbene i grandi media continuino a rimanere in silenzio sulle cause dei cambiamenti radicali che si stanno cercando di imporre nel paese. In risposta, la polizia ha iniziato ad arrestare i cittadini e ad utilizzare i cannoni ad acqua per disperdere la folla, nel tentativo di soffocare la rivoluzione.

Almeno 40 persone sono rimaste ferite e 73 sono state arrestate martedì, quando circa 75.000 manifestanti si sono ammassati a Parigi, nell'ultimo round di proteste contro le controverse riforme.
Secondo la polizia, 29 membri delle forze di sicurezza sono tra i 40 feriti.
L'agenzia di stampa AFP ha riferito che centinaia di manifestanti mascherati lanciavano oggetti contro la polizia e hanno preso d'assalto un cantiere nella capitale.
Scatenando mesi di proteste di piazza e una opposizione diffusa, il disegno di legge, che è stato sostenuto con vigore il mese scorso in parlamento, mantiene la settimana lavorativa francese a 35 ore, ma consente alle aziende di organizzare orari di lavoro alternativi.
Questi includono una settimana lavorativa fino a 48 ore, e 12 ore al giorno per periodi temporanei.
In "circostanze eccezionali" i dipendenti potrebbero lavorare fino a 60 ore a settimana.
Ci sono stati scioperi il martedì, chiusa anche la Torre Eiffel e interrotti i collegamenti di trasporto, visto che decine di migliaia di fan continuano a riversarsi nel paese per via dell'evento di calcio, Euro 2016.
Mohammed Jamjoom di Al Jazeera , inviato da Parigi, ha detto che la protesta era turbolenta ma tranquilla e si è infiammata solo quando i manifestanti sono arrivati nella zona di Les Invalides.
"Quando la polizia ha portato i camion coi cannoni ad acqua e ha sparato gas lacrimogeni per disperdere la folla – quello è stato il momento in cui gli scontri si sono intensificati" ha detto.
"La maggior parte delle persone con cui abbiamo parlato hanno detto che non volevano che la protesta diventasse violenta, hanno creduto che questo intervento della polizia è servito solo per distogliere l'attenzione dai contenuti della dimostrazione, che sono stati in sostanza di chiedere che il governo revocasse tali riforme del lavoro."
"Molti dei manifestanti dicevano che le riforme in sé e per sé erano già abbastanza negative, ma il fatto che queste siano state spinte da un governo socialista - le ha rese ancora peggiori. Hanno detto che un governo socialista dovrebbe proteggere i lavoratori non i datori di lavoro ", ha aggiunto.
Lo sciopero è l'ultimo in mesi di azioni sindacali, che ha visto il trasporto aereo e quello ferroviario gravemente perturbato, nonchè la carenza di carburanti e i rifiuti ammucchiati per le strade di Parigi.
Il senato francese ha iniziato a discutere le riforme il lunedi, che dovrebbero servire a rendere il mercato del lavoro più flessibile, riducendo l’alto tasso di disoccupazione - ma i critici vedono le riforme come troppo schierate pro-business. Le proteste contro la riforma sono iniziate il 9 marzo, e sono culminate con manifestazioni di massa il 31 marzo, che hanno portato quasi 400.000 persone per le strade.
il ministro del lavoro Myriam El Khomri, ha ribadito la strategia del governo, in vista della protesta, dicendo che la legge potrebbe essere ottimizzata nei particolari, ma non si tratta di stravolgerla radicalmente negli elementi essenziali o di farla cadere.
Il presidente Francois Hollande, profondamente impopolare in Francia, ha da poco più di un anno puntato sulla riforma del lavoro come iniziativa con cui caratterizzare il proprio mandato.

Nessun commento:

Posta un commento